Il bacino maledetto. Disuguaglianza, marginalità e potere nella Tunisia postrivoluzionaria

Il bacino maledetto Disuguaglianza marginalit e potere nella Tunisia postrivoluzionaria Questo libro analizza una delle questioni chiave del processo che ha portato all allontanamento del dittatore Ben Ali e che sempre presente nel dibattito pubblico l idea secondo cui alcune parti del P

  • Title: Il bacino maledetto. Disuguaglianza, marginalità e potere nella Tunisia postrivoluzionaria
  • Author: Stefano Pontiggia
  • ISBN: 8869480690
  • Page: 107
  • Format:
  • Questo libro analizza una delle questioni chiave del processo che ha portato all allontanamento del dittatore Ben Ali e che sempre presente nel dibattito pubblico l idea secondo cui alcune parti del Paese si siano rivoltate perch marginalizzate, escluse dalla ricchezza e dallo sviluppo Tra il 2014 e il 2015 l autore ha vissuto alle porte del deserto allo scopo di rispondere ad alcune domande che cosa significa essere marginalizzati in Tunisia Come si riproduce giorno per giorno Quale peso ha avuto nella storia recente, non solo del Paese, ma di un intera regione Ci che ne emerge un ritratto approfondito del modo in cui la presenza dello Stato, le relazioni di potere a livello locale, la struttura sociale e la gestione del territorio concorrono a riprodurre e consolidare disuguaglianze, disoccupazione, e una desolante assenza di prospettive La marginalit , in conclusione, non un processo di esclusione sociale ma il risultato dell integrazione di territori e persone in una gerarchia sociale, politica, economica e culturale che privilegia alcuni a discapito di altri.

    • [E-Book] ✓ Free Download ✓ Il bacino maledetto. Disuguaglianza, marginalità e potere nella Tunisia postrivoluzionaria : by Stefano Pontiggia »
      Stefano Pontiggia

    Stefano Pontiggia

    Related Posts

    One thought on “Il bacino maledetto. Disuguaglianza, marginalità e potere nella Tunisia postrivoluzionaria

    1. Un saggio appassionato, frutto di un lavoro sul campo Vicino agli interlocutori come un antropologo, senza perdere il senso dell indagine scientifica Perch la rivoluzione viene da lontano e non solo Tunisi

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *